Venerdì 19 Luglio 2019

Gruppo Scout Castelfranco Emilia 1 - Storia del gruppo
> Storia > Le origini

Storia del gruppo


Le origini
Il Gruppo Scout Castelfranco Emilia 1 nasce inizialmente da un piccolo gruppo di ragazzi castelfranchesi che conosce lo scautismo attraverso il gruppo Modena 4. Alcuni adulti diventano capi e decidono di rendere possibile questa esperienza anche ad altri ragazzi del nostro paese. Così, sfruttando l'esperienza dei transfughi modenesi, viene aperto nel 1990 il secondo reparto del Modena 4, con sede a Castelfranco (una "sede distaccata", insomma): il distintivo di gruppo e il fazzolettone, rosso e blu, rimangono gli stessi. Dopo un anno e la costituzione delle squadriglie, nel '91, il reparto acquista una sua autonomia: nasce ufficialmente il Castelfranco Emilia 1, che vedrà anche la creazione di un branco tutto nuovo. Viene anche adottato il nuvo fazzolettone.
Nel 1993, dopo un'impresa di autofinanziamento che ha portato il reparto a mettere in scena il musical Il quarto re, viene svolto il primo campo all'estero, nella base austriaca di Zellhof. Nonostante alcuni incidenti, il bilancio è molto positivo. A ottobre dello stesso anno i più grandi passano e viene così formato il noviziato, che l'anno dopo darà vita al clan.
Sono del '97 le prime Partenze, e con esse l'ingresso in Comunità Capi di adulti cresciuti all'interno del gruppo stesso. Nel '99 viene svolto il primo campo di gruppo.
Fin dalla sua infanzia il gruppo è stato seguito da una Pattuglia Genitori laboriosa come non mai, che puntualmente ad ogni Natale organizza una bancarella di prodotti d'artigianato per autofinanziamento e beneficenza.
Al momento il gruppo conta più di un centinaio di ragazzi iscritti, più di venti capi, ed è in cerca di una sistemazione un filino più ampia di quella attuale (che comunque molti gruppi si sognano).

Il fazzolettone
Il fazzolettone del gruppo deve i suoi colori al rosso e al blu del Modena 4, e al giallo dello stemma di Castelfranco Emilia. In realtà l'estensore di questo paragrafo ritiene che vi siano anche motivi più reconditi, ossia l'unione in un'unica scelta cromatica dei colori di Modena (giallo e blu) e di Bologna (rosso e blu), come a simboleggiare quella eterna divisione e compenetrazione delle due "anime" di Castelfranco Emilia, vera terra di mezzo... ma sto divagando...

L'urlo di gruppo
L'urlo di gruppo viene fatto nelle occasioni più importanti, e funziona così. I Vecchi Lupi urlano: "Lupi del nostro..." e i lupetti completano: "...meglio!". Poi il reparto grida: "per essere pronti!" e la comunità R/S termina con "a servire!". I più attenti avranno notato che la frase finale ("del nostro meglio per essere pronti a servire"), oltre ad essere un po' una summa del metodo scout, raccoglie anche i motti delle tre branche!



Gruppo Scout Agesci - Castelfranco Emilia 1
Via Circondaria Sud 145 - 41013 Castelfranco Emilia (MO)
Parrocchia di Santa Maria Assunta di Castelfranco Emilia (MO) - Arcidiocesi di Bologna