Venerdì 15 Novembre 2019

Gruppo Scout Castelfranco Emilia 1 - Capi
> Capi

ConCa (Consiglio Capi)


Nello scautismo un capo è un adulto formato che guida un'unità.
Ci sono molti diversi ruoli, generalmente volontari, che un capo può assumere a seconda del tipo di unità. Possono essere a contatto con i ragazzi o come responsabili dell'associazione ad altri livelli.
I capi che svolgono servizio attivo con i ragazzi sono i responsabili della formazione e dell'educazione dei ragazzi, oltre che dell'organizzazione delle attività del gruppo. Altri compiti includono i rapporti con le famiglie, le parrocchie e altri enti.
Il ruolo dei capi nelle unità di ragazzi più grandi come i rover o, in misura minore, gli esploratori, tende ad essere consultivo, in quanto buona parte dell'amministrazione delle attività viene lasciata in mano ai ragazzi stessi; nelle unità di bambini come i lupetti, invece, i capi hanno un ruolo più centrale.

Promessa scout
Con l'aiuto di Dio prometto sul mio onore di fare del mio meglio:
per compiere il mio dovere verso Dio e verso il mio Paese;
per aiutare gli altri in ogni circostanza;
per osservare la Legge scout.

Legge scout
La Guida e lo Scout:
  1. Pongono il loro onore nel meritare fiducia;
  2. Sono leali;
  3. Si rendono utili ed aiutano gli altri;
  4. Sono amici di tutti e fratelli di ogni altra Guida e Scout;
  5. Sono cortesi;
  6. Amano e rispettano la natura;
  7. Sanno ubbidire;
  8. Sorridono e cantano anche nelle difficoltà;
  9. Sono laboriosi ed economi;
  10. Sono puri di pensieri, parole e azioni.
Saluto
Il saluto va fatto portando la mano destra all'altezza delle spalle, l'indice, il medio e l'anulare tesi e uniti, il mignolo ripiegato sotto il pollice, il palmo rivolto in avanti. Le tre dita unite ricordano il triplice impegno della promessa.
Il saluto è un segno di riconoscimento dei membri dell'Associazione e ricorda l'impegno della Promessa scout.

Uniforme e distintivi
L'uniforme R/S è così composta:
  • Cappellone grigio scuro di foggia boera a tesa rigida larga cm.9 circa, con 4 fosse, due anteriori e due posteriori, nella cupola; munito attorno alla cupola di cinturino di cuoio e laccio sottogola annodato frontalmente al di sopra della falda.
  • Fazzoletto di Gruppo: Triangolare, di cm 70 di lato (per i due lati più corti), con i colori del Gruppo, da portarsi arrotolato al collo, legato con nodo ad anello;
  • Camicia: Colore azzurro, tipo unisex (senza spalline), con due tasche a toppa e patta abbottonata, collo apribile, da portarsi chiuso dentro i pantaloni o gonna;
  • Polo: Di cotone azzurro, senza tasche, collo apribile, maniche corte;
  • Pantaloni: Corti sopra il ginocchio o lunghi, in velluto a coste di colore blu o in tela cotone colore blu, con passanti per la cintura;
  • Cintura: Di cuoio naturale con anelli sui fianchi e fibbia di modello ufficiale;
  • Calzettoni: Colore blu con risvolto, in lana se invernali, in filo se estivi;
  • Maglione: In lana girocollo, colore blu.
  • La nomina a Capo ha riconoscimento internazionale e dà diritto alla Wood Badge. Questa, istituita da Baden-Powell, consiste nelle seguenti insegne, chiamate anche "insegne di Gilwell":
    • Un fazzoletto speciale, color tortora e col tartan della famiglia McLaren;
    • Un nodo "a testa di turco" di foggia speciale;
    • Un laccio di cuoio con appesi due tizzoni stilizzati.

    Quest'ultimo si porta dietro al collo sotto al fazzoletto, e sul davanti sopra di esso.
    Il fazzoletto di Gilwell si indossa solo quando non sì è in attività col proprio Gruppo. Altrimenti si indossa il fazzoletto di Gruppo, con il nodo e i "tizzoni" della Wood Badge.
Sull'uniforme si indossano, nelle condizioni previste dal Regolamento, i seguenti distintivi:
  • Distintivo associativo: Costituito dall'emblema dell'Associazione su dischetto di colore azzurro di cm. 4,5 di diametro. Viene applicato al centro della tasca sinistra della camicia.
  • Distintivi Mondiali: Identificano l'apprtenenza dell'associazione al movimento mondiale Scout. Sono due in quanto identificano l'appartenenza al World Organization of Scout Movement (WOSM), organizzazione mondiale maschile (giglio bianco su sfondo viola), e al World Association of Guides and Girls Scout (WAGGS), organizzazione mondiale femminile (trifoglio dorato su sfondo azzurro). Viene applicato al centro della tasca destra della camicia.
  • Distintivo FIS: Indica l'appartenenza di AGESCI alla Federazione Italiana dello Scoutismo (FIS). Inoltre permette l'identificazione dell'associato come scout italiano e come tale scout dell'unione europea. È costituito da una barretta tricolore con la striscia "Italia" (misure cm. 5 x 1,5), da portarsi immediatamente al di sopra della tasca destra della camicia.
  • Distintivo di Regione: Scudetto delle dimensioni di circa cm. 4 x 4,5 recante l'emblema regionale. Viene applicato sulla parte alta della manica destra.
  • Indicazioni di Gruppo: Striscia di colore verde delle dimensioni di cm. 6 x 1,5 sulla quale è ricamato o scritto in colore giallo il nome della località e il numero del Gruppo. Viene portato immediatamente sopra il distintivo regionale, al margine superiore della manica destra.
  • Distintivo del capo unità: Consiste in una striscia gialla (per il Capo Branco), verde (per il Capo Reparto), rossa (per il Capo Clan) o viola (per il Capo Gruppo) larghe cm. 0,5 e lunghe cm. 4,5 circa, applicate in posizione orizzontale subito sopra la tasca sinistra.
  • Gli Assistenti Ecclesiastici hanno per distintivo associativo una croce potenziata con centro l'emblema dell'Associazione su dischetto azzurro di cm. 4,5 di diametro.
Emblema dell'Associazione
L'emblema dell'Associazione è l'insieme dei due simboli internazionali scout (trifoglio e giglio).
Più precisamente, esso è costituito dal giglio di colore viola sovrapposto al trifoglio di colore giallo oro e scritta AGESCI di colore viola, contornati da una corda con nodo piano di colore viola.
Il giglio oltre ad essere il simbolo AGESCI è l’emblema internazionale dello scoutismo, fu scelto proprio questo fiore perché considerato simbolo di purezza.
Il giglio scout è composto da tre "petali", corrispondenti ai tre impegni assunti con la promessa.
I petali laterali contengono due stelle (legge e promessa), ognuna con cinque punte, che simboleggiano i dieci articoli della legge scout.
Le due stelle, inoltre, richiamano gli occhi del lupo, da tenere sempre aperti.
Il giglio è circondato da una corda chiusa con un nodo piano che sta ad indicare il legame che unisce tutto il movimento scout mondiale.

Bandiera dell'Associazione
L'Associazione adotta come bandiera quella nazionale unitamente a una bandiera riproducente l'emblema dell'Associazione. Questa seconda bandiera è di colore "Celeste ONU" e reca al centro l'emblema dell'associazione. Pertanto la bandiera dell'Associazione è l'insieme delle due bandiere.
Le seguenti indicazioni derivano da tradizioni associative o da normative italiane o internazionali.
Le bandiere vanno attaccate ad un apposito decoroso bastone di legno, di altezza adeguata e sormontato dall'emblema associativo, ovvero ad analoga asta di metallo. La bandiera nazionale non si porta mai da sola, e deve stare sempre alla destra della bandiera con l'emblema dell'associazione.
Sull'antenna le due bandiere vengono issate in questo ordine: bandiera nazionale e, sulla stessa regola, ma immediatamente al di sotto, bandiera con l'emblema dell'Associazione. Ovvero quest'ultima può essere issata su antenna propria, ma a sinistra della nazionale. Se vi sono altre bandiere (regione, città, bandiere dello Scoutismo o del Guidismo mondiale, dell'Europa o dell'ONU), quella nazionale starà sempre al centro. Essa sarà issata per prima e ammainata per ultima.

Preghiera della Capo
Signore e Capo Gesù Cristo, che,
nonostante la mia debolezza
mi hai scelta per capo
e custode delle mie sorelle guide,
fa che la mia parola illumini il loro cammino
sul sentiero della nostra legge,
che io sappia mostrare loro le tue tracce divine
nella natura che hai creato,
ed insegnar loro con l'esempio ciò che deve condurle,
di tappa in tappa verso di te, mio Dio,
nel campo del riposo e della gioia
dove hai alzato la tenda per l'eternità.
Così sia.

Preghiera del Capo
Fa, Signore, ch'io ti conosca,
e la conoscenza mi porti ad amarti,
e l'amore mi sproni a servirti, ogni giorno più generosamente.
Che io veda, ami e serva te
in tutti i miei fratelli,
ma particolarmente in coloro
che mi hai affidati.
Te li raccomando perciò, Signore,
come quanto ho di più caro,
perché sei tu che me li hai dati
e a Te devono ritornare.
Con la tua grazia, Signore,
fa che io sia sempre loro di esempio
e mai di inciampo:
che essi in me vedano Te, e io in loro Te solo cerchi:
così l'amore nostro sarà perfetto.
E al termine della mia giornata terrena l'essere stato Capo
mi sia di lode e non di condanna.
Amen.



Gruppo Scout Agesci - Castelfranco Emilia 1
Via Circondaria Sud 145 - 41013 Castelfranco Emilia (MO)
Parrocchia di Santa Maria Assunta di Castelfranco Emilia (MO) - Arcidiocesi di Bologna